Anything not strange is invisible. — Paul Valéry
Cover boy

Hot priests

Il post sui vagabondaggi a Roma ha suscitato diverse reazioni. Ma va, potevi dirmelo che eravate in città, così andavamo a bere qualcosa insieme! Non ci credo, su quel treno c’ero anch’io! Mai mettere in dubbio la carbonara di Perilli, Amore del Cuore è vivo per miracolo! Bene, bravi, bis. All’improvviso, però, mi è arrivata una mail da Barbara, la
Read more…

IMG_0399

Ruzzolare a Roma

  Visto che mi stavano per scadere tutti i punti Cartafreccia, siamo andati a Roma. Visto che di punti ne avevo un botto, abbiamo viaggiato in Premium. La Premium è uguale alla Standard, solo che i sedili sono in finta pelle invece che in tessutone forforoso. E ti portano i refreshments. Ho bevuto un bicchiere di Berlucchi tiepido e sgranocchiato un sacchetto di noccioline,
Read more…

vedileggi

Il Vedileggi di Gennaio

  Visto che Steven Soderbergh me l’ha chiesto espressamente – ma proprio di persona, con un cabaret di pasticcini in mano e un ghepardo rosa al guinzaglio -, ho deciso di provarci anch’io. Perché l’idea è quantomai avvincente, nella sua grassa semplicità. Il domandone è il seguente: che cosa hai visto/letto nell’intervallo di tempo X? Valgono i libri, gli spettacoli teatrali, le serie TV,
Read more…

celine-joan-didion-spring-2015-holding

Joan Didion – The Year of Magical Thinking

Gli abitanti del mondo civilizzato hanno cominciato a leggere Joan Didion circa mezzo secolo fa. E hanno fatto proprio bene. Noialtri, amici del fashionably-late, ci siamo arrivati parecchio dopo. Un po’ per questioni anagrafiche e un po’ per negligenza. Visto che non si può fare granché per riavvolgere il tempo – come The Year of Magical Thinking ampiamente dimostra -,
Read more…

kang kodos

Farsi un selfie: sforzi titanici e improbabili retroscena

L’altra sera ero a casa per i fatti miei. M’ero levata il pigiama e la vestaglia con gli orsacchiotti perché stava per arrivare la mia amica Flavia. Dando prova di una prontezza assolutamente inedita, poi, avevo addirittura trovato una collana da abbinare al maglione e mi ero pasticciata un po’ gli occhi con questa matita nera gigante che è praticamente l’unica cosa che
Read more…

Schermata 2015-01-06 alle 16.53.21

Il calendario 2015 di Ottone von Accidenti

Abbiamo passato le ferie a russare. Non siamo andati da nessuna parte, abbiamo visto solo gente simpatica e, in generale, si è mangiato moltissimo. Queste ferie, lasciatemelo dire, sono state un successo. Il trionfo delle coccoline sul divano. La pace interiore. Lavatrici fatte con criterio. Leggiadre passeggiatone. Tra una pigronata e l’altra, però, ci siamo anche dedicati a un nobile progetto. Anzi, al
Read more…

Tomb-of-Nebamun-Hunting-cat-w

Chiavi di ricerca, vol.21/millemila – Tacchini zoppi e furie di scorpione

A quattro secoli dall’ultima puntata – e anche un po’ a grande richiesta -, le keywords di Tegamini tornano a offendere la nostra intelligenza. Scoperchiatevi il cranio, cacciate il cervello in un barattolo e gettatelo giù per una scarpata. Molto bene, procediamo – prima che mi manchi il coraggio… *** GLI ZOOLOGI SQUALO GATTO L’universo è un prodigio di simmetria, complementarietà
Read more…

tegamini albero

Donini di buon 2015, tutti per voi

Come accade ormai da un numero imprecisato di Natali, è arrivato il momento di ringraziarvi. L’universo è vasto, interessante e pieno di cose da fare, ma là fuori c’è gente che continua a trovare il tempo e la voglia di venire fin qua a leggere le mie scempiaggini. E c’è addirittura chi le condivide, ne parla in giro, le MIPIACIA, mette
Read more…

616027_424783880903542_848882103_o

L’immancabile wishlist di Natale, made in Goolp!

Strano ma vero, anche su Tegamini ci sono delle tradizioni. A Natale, per dire, c’è il paccozzo dei regali per voi adorabili e partecipi lettori – STEI TIUND, che fra poco succederà – e la wishlist surreale. Quest’anno attingeremo dal multiforme e improbabilissimo catalogo di Goolp!, e-store nato due anni fa dai folli neuroni di Micòl e Luca e ormai
Read more…

12 lucine II

#ComeAndSee: il fotogenico concerto di Elisa

Dunque. Fare foto mi piace moltissimo. Che io sia capace o che le mie foto siano belle, poi, è decisamente un altro paio di maniche. Ci provo, però. Ci metto dell’impegno e della sincera abnegazione. Mi cimento con sfide impossibili, tipo fotografare il mio gatto – che non solo è nero e imprevedibile, ma anche poco interessato a fare le scarpe al Grumpy
Read more…

mara-venier-vita-in-diretta-sanremo-4-620x300

La vita in diretta

Una cosa buona dell’essere abitudinari è la faccenda delle economie di apprendimento. Prendi bene le misure, sai già come si fanno le cose, trovi tutto quello che ti serve e veleggi felice nel tuo stagnetto, come una grassa papera contenta. Ci vuole un po’ di tempo, ma una volta che impari sei potenzialmente a posto per l’eternità. Anzi, diventi così efficiente
Read more…

gaga telephone

Del non saper telefonare

So telefonare? No. Telefono? Per forza. Perché telefonare serve. Telefonare è produttivo, rapido ed efficace. Le telefonate fanno girare l’economia, cementano i rapporti umani, confortano gli afflitti e accorciano le distanze. Certi esseri umani telefonano addirittura per divertimento. Per dire, Amore del Cuore ha un amico di Catania che, quando è sbronzo, lo chiama a orari improbabili dal mezzo di una
Read more…

gone girl gillian flynn

Gillian Flynn, Gone Girl

Non so bene cosa piaccia a voi, ma io sono una grande fan dei punti di vista. Se mi piovesse in testa un superpotere, credo che sceglierei una roba alla Professor X, supremo aggeggiatore di pensieri altrui. Anche una spolveratina di telecinesi – garanzia di tette sodissime per tutta la vita – non sarebbe male, ma già col pacchetto Telepatia-Base mi sentirei
Read more…

tegamini wii u

Super Mario: giocarci per la prima volta a 29 anni abbondanti

Ho passato buona parte della mia infanzia a cercare di capire che cosa potevo o non potevo fare. In casa mia c’era la convinzione che quasi tutto – dai cartoni animati alle caramelle – potesse irreparabilmente trasformarmi in un’assassina. O in una trapezista dal coltello facile. O in una spregiudicata meretrice eroinomane. O in un politico che insulta le ragazzine su Twitter.
Read more…

modiano-nobel

Il #TotoNobel delle bestiole

Nella mia mirabolante carriera editoriale ho vinto in tutto quattro premi Nobel. Uno in modalità kamikaze – che ero in ufficio da sola – e ben tre negli ultimi tre anni. Il Nobel è una faccenda interessante, surreale, incredibilmente istruttiva ed estremamente stancante. E da quando c’è il famigerato #TotoNobel, poi, non si vive più. C’è il molesto team-Murakami, ci
Read more…

  • RSS
  • Facebook
  • LinkedIn
  • Twitter
  • Tumblr
  • YouTube