Home » Devastanti wishlist: Puma & House of Hackney

Devastanti wishlist: Puma & House of Hackney

858817_673048579377349_359192437_o

Succede che, di tanto in tanto, mi scambiano per una fashion blogger e m’invitano ai Press Day
. I Press Day sono quelle cose che te vai, ti mettono in mano un bicchiere di bianco e ti portano in giro per degli spazi allestiti con infinita carineria per farti vedere quello che i più disparati brand – e/o maison, stilisti, sartine di quartiere, designer, scarpari, case cosmetiche, ciabattini o multinazionali del lusso interplanetario – hanno intenzione di proporre per la stagione che verrà. Te vaghi, guardi tutte queste belle cose, fai le fotine artistiche e pensi, più che altro, che non hai i soldi per comprarti manco il tonno – se proprio non è in offerta -, figuriamoci i meravigliosi abitini rosa di Christopher Kane a forma di ventaglio. Quindi cerchi di non infervorarti troppo – si sa, poi, infervorarsi è da plebei, mica da fashion blogger altolocate -, ti rifai gli occhi, ti comporti al meglio delle tue possibilità e non tocchi niente. Io che vengo dalla campagna, però, ho visto degli animalini e mi sono subito invasata. E ho anche scoperto che la carta da parati è ancora di grande attualità, sempre che sia made in London, esosissima e palesemente arrivata su questa terra dal Paese delle Meraviglie.

 

 Perché esistono delle Puma assurdamente ricoperte di bestiole del bosco e di creaturine fiabesche piene di piume, codine poffose e pellicciotte dai colori pastello. Le nobilissime calzature, la Puma se le è fatte foderare da House of Hackney, che è questo brand britannico che produce arredamento superposh-artistico. Stampe meravigliose. Paralumi. Divani. Lampade a forma di pappagallo. Cuscini con le felci.
Ammazzatemi.

large_pitch_blue_flights_of_fancy_velvet_1

Lib-Shop-Shots_02
large_grey_stripe_flights_of_fancy_2
 
E niente.
Gli animalini di House of Hackney, oltre a decorare milioni di cuscini che inonderei volentieri di lacrime e tazze che userei ogni secondo della mia vita – anche per mangiarci dentro la pastasciutta -, sono andati a finire anche sulle Puma più Puma. Me sono anche scritta i modelli: le Puma con i piccoli tassi, i pennuti inglesi e il gessato bianco e nero da splendidi squilibrati sono le Basket, le Slipstram e le R698. Usciranno con la collezione autunno/inverno – perdonatemi: FW14 -, quindi avrò ancora un po’ di tempo per gettare delle monetine di rame dentro a un secchio, nella vana speranza di accumularne a sufficienza.
E lo so, sono assurde.
Ma sono gloriose.
E quelle nere sono pure pelusciose-cinigliose!

 
 
PUMA_SLIPSTREAM_X_HO#18F7D5
BASKET_CLASSIC_LO_X_#18F7D2
TRINOMIC_R698_EVO_X_#18F7D6

 

5 Responses to “Devastanti wishlist: Puma & House of Hackney”

  1. Emma says:

    Voglio quel cuscino con i puffin!!!

  2. TEGA! prova a buttarle in un pozzo, le monetine, anzichè nel secchio. Magari è dei desideri e ti arrivano direttamente queste agghiaccianti scarpe!

    • Tegamini says:

      MACOSADICI! CI SONO SU I TASSI! CI SONO SU I LEMURINI! SONO BELLISSIME! LE PIUMETTE!
      COMEPUOIDISPREZZARLE!
      …ma mi rendo anche conto che non siano proprio-proprio leggerine. Comunque, io mi armo di secchio. Spero potrai perdonarmi.

      • Ma cara, se fossimo tutte uguali io avrei un blog che si chiama ti.inimaget! e invece sono andratuttobene :D Certo che ti perdono,adoro la tua passione per le stramberie! Io invece sono molto seria e sobria…sai che noia! t’abbrach

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

  • RSS
  • Facebook
  • LinkedIn
  • Twitter
  • Tumblr
  • YouTube